Un dominio standard per le newsroom

Più faccio il predicozzo alle aziende perchè producano contenuti informativi multimediali secondo il modello del social media news release – comunicato per i media sociali, per dirla col Vincos e Digital PR – più mi convinco della necessità per le aziende di individuare una formato standard di indirizzo URL dove posizionare la newsroom.

Nulla irrita il giornalista (e non solo) più di faticare ad individuare le informazioni per la stampa su un sito aziendale, a parte l’incosistenza delle informazioni stesse. Senza contare che in alcune situazioni il fattore tempo potrebbe rivelarsi determinante. Non volete spazientire un giornalista in cerca di informazioni dopo l’incidente, facendogli perdere 60 secondi in vari reload, vero? Mica tutti si possono permettere un dark site…

La mia riflessione parte dalla facilità con cui possiamo trovare i siti di alcune amministrazioni pubbliche o enti locali grazie all’indirizzo standardizzato: pensate a comune.milano.it o mi.camcom.it (la camera di commercio). Il format vale al 99% rispettivamente per i comuni e le camere di commercio d’Italia.

Da giornalista, mi farebbe un sacco comodo sapere che cliccando news.azienda.it o www.azienda.it/news arriverei direttamente in “sala stampa”, senza passare per home page cariche di Flash, fatte magari per il consumatore, e senza sprecare altri 2-4 click per trovare quello che sto cercando. La prima volta. Poi feed RSS e via.

Sto dicendo una cazzata? A me pare una roba talmente ovvia che non capisco perchè non si sia ancora affermata. O forse sì. Perchè il sito è roba da responsabile IT o da agenzia Web, mica da direttore marketing e comunicazione.

Chiedete conferma al povero Marco Camisani Calzolari, sempre più allibito quando alza il telefono con un’azienda.

Leggi anche:

  1. Se il giornale lo fa il marketing
  2. Christian Vieri era depresso
  3. ATM: incidente tra tram. Due le ipotesi

One Comment

  1. :) confermo… Una tragedia…

Leave a Reply

Better Tag Cloud